COME ASSOCIARSI

SE SEI UN MEDICO È VUOI RICHIEDERE LA TUA ISCRIZIONE AL GIST CLICCA QUI E SEGUI LA PROCEDURA

CERCA MEDICI ASSOCIATI

SE CERCHI UN MEDICO ASSOCIATO A GIST CLICCA QUI PER VEDERE TUTTI GLI ASSOCIATI PER REGIONE

CERCA METODICHE

SE SEI INTERESSATO AD UN TRATTAMENTO O VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA PER CERCARE IL TRATTAMENTO CHE TI INTERESSA


Statuto

STATUTO

ART. 1

COSTITUZIONE
E' costituita un'associazione denominata "ASSOCIAZIONE GRUPPO ITALIANO DI STUDIO SULLE TECNOLOGIE" in sigla "ASSOCIAZIONE G.I.S.T.".
Essa non ha fini di lucro ed è apolitica.

ART. 2

SEDE
L'Associazione ha sede in Perugia, via Mario Angeloni n. 43.
Essa potrà istituire sedi secondarie e succursali.

ART. 3

SCOPO
L'Associazione è apolitica, apartitica, non persegue fini di lucro ed ha lo scopo di:
a) incoraggiare un continuo scambio di informazioni tra medici che si occupano di Medicina Estetica in generale, dermatologi, chirurghi plastici, chimici, farmacologi, fisiologi ed esperti di tutte le discipline che possano essere collegate con la Medicina Estetica;
b) rappresentare un punto d'incontro per lo scambio d'idee e metodologie di ricerca d'interesse per la Medicina Estetica e le altre scienze collegate;
c) incoraggiare i livelli di preparazione più elevati attraverso lo studio, la discussione, l'organizzazione di seminari scientifici e di stage di ricerca applicata;
d) promuovere i livelli più elevati nelle discipline collegate per quanto riguarda gli aspetti che sono connessi alla Medicina Estetica e fornire una divulgazione continua in questo campo;
e) portare a conoscenza dell'opinione pubblica tutte le metodologie valide nell'ambito della Medicina Estetica attraverso convegni, seminari, dibattiti ed altri strumenti di comunicazione e confronto pubblici.
L'Associazione potrà approntare un bollettino semestrale con le note informative relative alle novità riguardanti sia il profilo didattico che quello scientifico.
L'Associazione può promuovere scambi con altre associazioni ed Enti aventi oggetto analogo al proprio e stabilire con gli stessi tutti quei rapporti che siano ritenuti opportuni per il raggiungimento degli scopi sociali.
Essa potrà svolgere inoltre ogni attività connessa o conseguente all'attuazione ed al conseguimento dello scopo di cui sopra.
L'Associazione potrà stipulare tutti gli atti e contratti necessari per il raggiungimento dello scopo predetto nonché compiere tutte le attività strutturalmente necessarie.

ART. 4

DURATA
L'Associazione è costituita a tempo indeterminato.

ART. 5

PATRIMONIO
Il patrimonio dell'Associazione è costituito:
1) dalle quote associative sia ordinarie che straordinarie;
2) da eventuali contributi, sovvenzioni, erogazioni, lasciti e donazioni provenienti da Enti Pubblici o da privati;
3) da ogni altra somma che, a qualsiasi titolo, sia versata all'Associazione;
4) da beni mobili od immobili acquistati impiegando le entità patrimoniali di cui ai precedenti punti.
E' fatto espresso divieto di distribuire anche in modo indiretto utili od avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

ART. 6

ESERCIZIO ASSOCIATIVO
L'esercizio associativo si chiude il 31 dicembre di ogni anno.
Entro quattro mesi dalla fine di ogni esercizio verranno predisposti dall'organo amministrativo il rendiconto economico e finanziario consuntivo dell'Associazione ed il bilancio preventivo del successivo esercizio, i quali saranno sottoposti all'approvazione dell'Assemblea degli Associati.

ART. 7

ASSOCIATI
Previa delibera favorevole del Consiglio Direttivo sull'ammissione ai sensi del successivo articolo 9, possono far parte dell'Associazione le persone fisiche che condividano gli scopi dell'Associazione e ne facciano richiesta.
Possono divenire associati anche le Associazioni e gli Enti che sono impegnati in settori culturali identici o affini a quelli dell'Associazione.
Con delibera del Consiglio Direttivo possono essere ammessi a far parte dell'Associazione, quali Associati Onorari, persone fisiche che abbiano conseguito particolari riconoscimenti nel campo della medicina estetica. Gli Associati Onorari hanno nei confronti dell'Associazione gli stessi diritti ed obblighi di tutti gli altri Associati.
E' esclusa espressamente la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.
Tutti gli associati hanno uguali diritti associativi ed uguale diritto a tutte le prestazioni e servizi resi dall'Associazione, senza alcuna limitazione; in particolare tutti gli associati hanno diritto di partecipare all'Assemblea con diritto di voto, tra l'altro, per l'approvazione e le modifiche dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell'Associazione. Ogni associato ha diritto ad un voto.

ART. 8

QUOTA ASSOCIATIVA
Gli associati sono tenuti al pagamento della quota associativa al momento della loro ammissione ed annualmente, nella misura stabilita ogni anno dal Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo stabilirà inoltre le prestazioni cui gli associati avranno eventualmente gratuitamente diritto, e quelle che invece saranno erogate dietro pagamento di corrispettivo la cui entità sarà comunque rimessa al Consiglio Direttivo.
La quota o il contributo associativo è intrasmissibile e non può essere in ogni caso rivalutata.

ART. 9

AMMISSIONE, RECESSO ED ESCLUSIONE DEGLI ASSOCIATI
La richiesta di ammissione deve essere inoltrata al Consiglio Direttivo il quale delibera sulla richiesta con valutazione discrezionale in modo insindacabile ed inappellabile.
La qualità di Associato si perde:
- per morte;
- per recesso. In tal caso l'Associato deve darne comunicazione scritta all'organo amministrativo ed è comunque tenuto al versamento della quota associativa relativa all'anno in corso;
- per esclusione. L'Assemblea può deliberare l'esclusione degli Associati che incorrano in gravi violazioni del presente statuto o che tengano una condotta in contrasto con le finalità dell'Associazione. Il Consiglio Direttivo può deliberare l'esclusione degli Associati che siano in mora nel versamento della quota associativa, anche di una sola annualità con diritto alla escussione del credito nei confronti dell'associato moroso.
Gli eredi dell'associato deceduto e coloro che hanno perso la qualità di Associato per recesso od esclusione non possono ripetere i contributi versati, né hanno alcun diritto sul patrimonio dell'Associazione.

ART. 10

ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE
Sono Organi dell'Associazione:
1) l'Assemblea Generale degli Associati;
2) il Consiglio Direttivo;
3) il Presidente.

ART. 11

ASSEMBLEA GENERALE DEGLI ASSOCIATI
L'Assemblea generale è costituita da tutti gli Associati; hanno diritto di assistervi, intervenire e votare tutti gli associati.
L'assemblea è organo sovrano; essa indica le linee di sviluppo dell'Associazione, vigila sull'operato degli organi esecutivi e rappresentativi ed esercita costantemente la propria azione affinché tutte le attività siano coerenti con gli scopi che l'associazione si prefigge.
Le Assemblee degli Associati possono essere ordinarie o straordinarie.
L'Assemblea ordinaria:
a) approva le linee generali del programma di attività per l'anno sociale;
b) elegge il Consiglio Direttivo;
c) approva annualmente il rendiconto consuntivo economico e finanziario ed il bilancio preventivo;
d) delibera sull'esclusione degli Associati per cause diverse dalla morosità;
e) delibera su quant'altro alla stessa demandato per legge o per statuto.
L'Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche da apportare allo statuto, sullo scioglimento e sulla liquidazione dell'Associazione.
La votazione ha luogo per alzata di mano, salvo diversa delibera dell'assemblea.

ART. 12

CONVOCAZIONE DELL'ASSEMBLEA
Le Assemblee degli Associati sono convocate dal Consiglio Direttivo con comunicazione scritta da spedire a mezzo lettera raccomandata a ciascun Associato presso l'ultimo domicilio risultante dal libro degli Associati, almeno otto giorni prima di quello fissato per l'adunanza, nonché mediante affissione dell'avviso di convocazione presso la sede dell'associazione dieci giorni prima di quello fissato per l'adunanza.
L'Assemblea può essere convocata anche qualora ne faccia richiesta almeno un quinto degli Associati.

ART. 13

DELIBERE ASSEMBLEARI
In prima convocazione l'Assemblea ordinaria è regolarmente costituita con la presenza di almeno la metà più uno degli associati e delibera con la maggioranza assoluta dei voti degli associati presenti.
In seconda convocazione, che non può tenersi nello stesso giorno della prima convocazione, l'Assemblea ordinaria è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera validamente a maggioranza assoluta dei voti degli associati presenti su tutte le questioni poste all'ordine del giorno.
L'assemblea straordinaria delibera, sia in prima che in seconda convocazione, con il voto favorevole della maggioranza degli associati; è fatta salva la speciale maggioranza prevista dal successivo articolo 19 per la delibera relativa allo scioglimento dell'associazione.
I quorum costitutivi e deliberativi vanno calcolati tenendo conto esclusivamente degli associati in regola con il pagamento della quota annua associativa.
Gli Associati possono farsi rappresentare da altri Associati, ma ogni Associato non potrà essere portatore di più di una delega.

ART. 14

FUNZIONAMENTO
L'Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o, in sua assenza, da un Presidente nominato dall'Assemblea stessa.
Il Presidente dell'Assemblea nomina un Segretario e, se lo ritiene opportuno, due scrutatori.
Spetta al Presidente dell'Assemblea constatare la regolarità delle deleghe ed in genere il diritto d'intervento all'Assemblea.
I verbali delle assemblee verranno trascritti in apposito libro che dovrà essere conservato presso la sede dell'associazione a disposizione degli associati che potranno consultarlo liberamente. Su detto libro dovranno altresì essere trascritte le deliberazioni, i bilanci ed i rendiconti approvati.

ART. 15

CONSIGLIO DIRETTIVO
Il Consiglio Direttivo è liberamente eletto dall'Assemblea. Il Consiglio Direttivo è composto da un numero variabile di membri da tre a sette, eletti tra gli associati in regola con il pagamento delle quote associative. L'Assemblea che elegge il Consiglio Direttivo stabilisce anche il numero dei suoi membri. Il primo Consiglio Direttivo sarà nominato in sede di costituzione dell'Associazione.
I componenti del Consiglio Direttivo restano in carica per due anni dalla data della nomina.
Il Consiglio Direttivo elegge nel suo seno il Presidente dell'Associazione. Il primo Presidente sarà nominato in sede di costituzione dell'Associazione.
Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione dell'Associazione, senza limitazioni, con facoltà di compiere tutti gli atti, anche di disposizione, ritenuti opportuni per il raggiungimento degli scopi associativi.
In particolare, essendo la seguente elencazione esemplificativa e non tassativa, il Consiglio svolge le seguenti attività:
- redige annualmente il bilancio preventivo ed il rendiconto economico e finanziario consuntivo da sottoporre all'assemblea per l'approvazione;
- delibera sulla destinazione dei fondi patrimoniali e su qualsiasi operazione di carattere economico, finanziario e giuridico;
- delibera in merito all'ammissione di nuovi Associati;
- delibera sull'esclusione per morosità degli associati;
- delibera sull'assunzione di impegni finanziari, sulla stipula di convenzioni, sulla programmazione dell'attività dell'associazione e più in generale sulle decisioni comportanti rilevanza economica;
- convoca l'Assemblea degli Associati;
- cura l'esecuzione delle deliberazioni dell'Assemblea;
- procede all'assunzione di eventuali dipendenti ed impiegati, determinandone qualifiche, mansioni e retribuzione;
- sceglie eventuali collaboratori o consulenti tra gli associati o soggetti esterni all'associazione fissandone funzioni e compensi;
- redige, qualora lo ritenga opportuno, il Regolamento necessario per il corretto funzionamento della Associazione, che dovrà essere approvato dall'assemblea, la cui osservanza è obbligatoria per tutti gli associati.
Il Consiglio Direttivo potrà altresì delegare lo svolgimento di alcune attività e conferire speciali incarichi a singoli membri del Consiglio. Ai Consiglieri così delegati potranno essere attribuiti poteri di rappresentanza dell'Associazione entro i limiti contenuti nella delega stessa.

ART. 16

LA CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO
La convocazione del Consiglio Direttivo deve essere effettuata a mezzo di lettera raccomandata da spedirsi al domicilio dei consiglieri almeno cinque giorni prima di quello fissato per la seduta e contenente l'indicazione sommaria degli argomenti da trattare. Tuttavia, in caso di urgenza, le convocazioni possono farsi per telegramma fino al giorno precedente la seduta stessa.
Le riunioni del Consiglio Direttivo sono validamente costituite con la presenza di almeno la maggioranza dei componenti del Consiglio stesso e le relative deliberazioni sono valide se adottate con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Le deliberazioni del Consiglio sono riportate su appositi registri e i relativi verbali vengono sottoscritti dal Presidente e dal segretario della riunione.

ART. 17

COMPENSI
Tutte le cariche sociali sono onorifiche e non danno diritto ad alcun compenso. Tuttavia i componenti del Consiglio Direttivo avranno diritto ad ottenere il rimborso delle spese sostenute in ragione della carica.

ART. 18

RAPPRESENTANZA
La firma e la rappresentanza dell'Associazione di fronte ai terzi ed in giudizio spettano al Presidente del Consiglio Direttivo.

ART. 19

SCIOGLIMENTO
Lo scioglimento dell'Associazione è deliberato dall'Assemblea con il voto favorevole di almeno tre quarti (3/4) degli Associati sia in prima che in seconda convocazione.
Il patrimonio dell'Associazione dovrà essere devoluto, in caso di scioglimento dell'Associazione per qualunque causa, ad altra Associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'art. 3, comma 190 della legge 23 dicembre 1996 n. 662 e salva diversa destinazione imposta dalla legge.
L'assemblea nominerà il liquidatore o i liquidatori determinandone i poteri.

ART. 20

RINVIO
Per tutto quanto non previsto dal presente statuto, valgono le norme del Codice Civile e delle leggi speciali in materia.
F.to Gino Luca Pagni
F.to Muriella Ceccopieri Villa Maruffi
F.to Roberto Bernardini
F.to Massimo Monti
F.to Marina Romagnoli
F.to Maria Costarella
F.to Elisabetta Bianchi
F.to Tiziana Lazzari
F.to Bruno Bovani
F.to Anna Maria Veronesi
F.to Francesco Alberti